Il premio dell'anno

Il Premio 2018 di 50'000.00 franchi svizzeri è stato conferito il 19 giugno 2019 a Lugano, durante la cerimonia inaugurale del quindicesimo Congresso Internazionale sui Linfomi Maligni al

Prof. Carl H. June, MD

per aver sviluppato la metodologia clinica dell’uso delle cellule CAR-T che potrebbe rivoluzionare l’approccio terapeutico dei linfomi maligni.

Il Prof. Carl H. June, MD è:
Richard W. Vague Professor in Immunotherapy
Director, Center for Cellular Immunotherapies
Director, Parker Institute for Cancer Immunotherapy
University of Pennsylvania Perelman School of Medicine
Philadelphia, PA, USA

Carl H.June, nato nel 1953, è un immunologo e oncologo americano. Al momento copre la cattedra Richard W.Vague in Immunoterapia al Dipartimento di Patologia e Medicina di laboratorio nella Scuola Perelman di Medicina all'Università della Pennsylvania, cui è giunto nel 1999 come Professore d'Ingegneria molecolare e cellulare.

E'un pioniere nel campo dell'immunoterapia, più conosciuto per lo sviluppo della terapia T-cell per diverse forme di cancro. Negli anni '80, il suo laboratorio ha scoperto la molecola CD28 quale maggiore interruttore di controllo per l'attività antitumorale delle cellule T. Pochi anni dopo, egli ha preso in esame la capacità di coltivare negli esseri umani le cellule CAR-T geneticamente modificate: queste sono cellule linfoidi, che dopo la modificazione genetica sono in grado di manifestare attività tipiche delle cellule sia B che T, inclusi effetti antitumorali.

In particolare, egli è stato capace di scoprire come coltivare queste cellule CAR-T geneticamente modificate, osservando che tali cellule possono innestarsi e resistere in pazienti affetti da anni da HIV-AIDS. Basandosi su questa osservazione, ha poi sviluppato un trattamento sorprendentemente attivo per curare l'ultimo stadio della leucemia linfoblastica acuta nei bambini. Da allora questa modalità è stata usata e valutata in altri neoplasmi, primi fra tutti nei linfomi maligni. Le sue scoperte hanno anche portato alla commercializzazione delle cellule CAR-T da parte di diverse aziende farmaceutiche.

La Fondazione San Salvatore, con sede a Lugano (Svizzera) è stata creata nel 1979 da Carlo Pernsch, noto banchiere, e da sua moglie Célestine con lo scopo di promuovere e premiare la ricerca medica e scientifica nell’area delle terapie antitumorali.

Da 40 anni la Fondazione San Salvatore dà riconoscimenti con premi a numerosi scienziati che hanno contribuito in maniera sostanzialealla ricerca scientifica sui nuovi approcci alle terapie antitumorali e ha finanziato progetti scientifici per la cura di forme neoplastiche.